mercoledì 23 luglio 2014

AROMATERAPIA: manuale pratico sui principali OLI ESSENZIALI.

Manuale pratico all'uso degli oli essenziali e all'aromaterapia


Introduzione all'uso degli oli essenziali,  una pratica guida che ci descrive i meccanismi di funzionamento dell'aromaterapia, i principali oli essenziali e i benefici apportati. Dai massaggi fino alla cosmesi, sono svariati i metodi d'uso degli oli essenziali, le cui indicazioni spaziano dall'acne, alle emorroidi, all'Herpes labiale e non solo!

Manuale di aromaterapia, introduttivo all'uso dei principali oli essenziali, da non far mancare mai in casa.

Iniziamo col dire cos'è l'aromaterapia e come viene veicolata.
L'aromaterapia è una branca della medicina naturale che utilizza come rimedi gli oli essenziali molto concentrati detti anche essenze. L'aromaterapia si basa su principi olistici, esamina il problema nel suo complesso, non solo i sintomi, soffermando l'attenzione sul modo in cui le essenze possono dare benefici all'uomo. La parola aromaterapia è stata utilizzata per la prima volta dal chimico francese Renè Gattefosse, che lavorava nel campo dei profumi e che, essendosi scottato la mano, applicò l'olio essenziale di lavanda e osservò che la lesione cicatrizzava in tempo inferiore alla norma. Egli mise a punto un test, aromatogramma, per misurare la capacità degli oli come antibatterici, antimicotici e antivirali. Verso il 1950, gli studi del medico Jean Valnet, riconobbero scientificamente le proprietà delle essenze. Oggi gli studi vengono effettuati in laboratori universitari e confermano l'efficacia nei confronti dei diversi germi patogeni.
Gli oli derivano da un'unica pianta e sono presenti in piccole quantità rispetto alla massa del vegetale. Vengono suddivisi, secondo l'impressione olfattiva suscitata, in tre categorie chiamate NOTE.
  • Note di testa: si riferisce agli oli ricavati dai frutti o dalle bucce, come gli agrumi, con effetti dinamizzanti e rinfrescanti, adatte alle attività intellettuali perchè stimolano il piano mentale.
  • Note di cuore: raggruppa tutti quegli oli ottenuti dal fusto, dalle foglie e dalle parti aeree (fiori e petali). Esplicano un'azione riequilibrante sull'affettività ed evaporano in tempi più lunghi rispetto ai precedenti. Appartengono a questo gruppo la Lavanda, la Rosa e il Neroli.
  • Note di base: presenta oli persistenti, come il sandalo e il vetiver, che possiedono azione rilassante e sedativa.
Gli oli essenziali sono odorosi, oleosi, molto volatili (evaporano rapidamente), sono solubili in alcol e negli oli, insolubili in acqua e infiammabili. Gli oli essenziali di una pianta sono l'equivalente degli ormoni, hanno una chimica complessa, sono estremamente concentrati e rappresentano l'anima della pianta, l'informazione energetica che esercita un'azione fisica ma anche psichica e spirituale. Le specie botaniche che più si prestano alla produzione di essenze si distribuiscono prevalentemente nelle zone calde, dove il sole col suo calore e la sua luce ha maggiore intensità. A seconda della pianta, le essenze possono essere ricavate dai petali dei fiori, dalle foglie, dalle radici o dal legno. In molte piante, gli oli sono addirittura distinguibili sotto forma di minuscole goccioline come nelle foglie del rosmarino, nei fiori di lavanda o nella buccia delle arance (se schiacciate la buccia di una arancia, le minuscole goccioline che schizzano sono olio essenziale).
Metodi di estrazione
L'estrazione delle essenze varia a seconda della pianta, il metodo più utilizzato è la distillazione in corrente di vapore , utilizzata in genere per fiori e foglie, la spremitura a freddo utilizzata per gli agrumi, l'ENFLEURAGE che utilizza un grasso animale (oggi molto spesso sostituito da solventi) per estrarre l'essenza e l'estrazione per mezzo di solventi.

Come funziona l'aromaterapia e i suoi benefici

Le vie che veicolano l'informazione dei vari oli sono, oltre a quella orale che è sconsigliata se non sotto stretto controllo medico, la via olfattiva, l'applicazione sulla pelle e attraverso l'aria inspirata.
I RECETTORI OLFATTIVI captano le molecole e veicolano l'informazione, attraverso il nervo olfattivo, direttamente alla corteccia cerebrale senza mediazione,  che risponde producendo neurotrasmettitori e altre sostanze chimiche atte a rilassare o stimolare il sistema nervoso e conseguentemente l'organismo. I recettori del naso, sono collegati con quella parte del cervello interessata alla memoria e alle emozioni: a tutti è capitato di sentire un odore che rievoca ricordi che pensavamo perduti. L'olfatto è molto influente sul cervello, basti pensare che il neonato riconosce l'odore della pelle della madre oppure che l'attrazione sessuale è fortemente condizionata dall'odore dei feromoni. I neurobiologi hanno dimostrato che lavorare in un ambiente profumato aumenta le prestazioni di un individuo.
La Pelle è un altro veicolo utilizzato in aromaterapia, attraverso il massaggio perchè gli oli essenziali vengono assorbiti dall'epidermide. Oltre al massaggio, in caso di contratture muscolari, problemi articolari, di circolazione sono utili come antibatterici, antisettici e antimicotici se, opportunamente diluiti vengono utilizzati per pulire ferite o facilitare la cicatrizzazione, in caso di candidosi o per tenere lontani gli insetti.
Il Respiro porta l'olio, in minuscole quantità, negli alveoli polmonari e al sangue   risultando espettorante e disinfettante nelle infezioni e infiammazioni del tratto respiratorio ma, apporta benefici anche in caso di tensione nervosa, ansia o tristezza.

Proprieta' degli oli essenziali e utilizzi per indicazione

Le proprietà degli oli essenziali sono innumerevoli e note sin dall'antichità: antisettici, antibatterici, antimicotici, cicatrizzanti, antireumatici, antinevralgici, digestivi, tonificanti, antispastici, anticatarrali, espettoranti, stimolanti la sessualità, sedativi, riequilibranti migliorano la circolazione venosa.

Applicazioni per metodo: dai massaggi fino alla cosmesi

Massaggi. L'olio essenziale non va mai applicato puro sulla pelle, deve essere miscelato con olio vegetale, come l'olio di jojoba, di mandorle dolci o anche extravergine di oliva, l'importante è che siano spremuti a freddo. In linea di massima: 2 gocce in un cucchiaio di olio vettore, o 15 gocce in una boccetta contenente 50 ml di olio. Dopo il bagno, quando i pori sono dilatati, è il momento migliore e comunque dipende poi dalla necessità per cui si effettua il massaggio. Ad esempio,  un massaggio che migliori la circolazione venosa a livello delle gambe, si effettua più volte nell'arco della giornata soprattutto in estate...Impacchi. Per preparare un impacco freddo, usare acqua fredda in una bacinella, alla quale potrete aggiungere qualche cubetto di ghiaccio e 5 o 6 gocce di olio essenziale (agitate con la mano per emulsionare l'olio). L'impacco caldo invece, si ottiene facendo scorrere acqua calda dal rubinetto con o.e. e, in entrambe i casi, immergete un panno di lino o di cotone, strizzatelo e applicatelo sulla parte. Quando il panno si è intiepidito, ripetete l'operazione.
Vapori e inalazioni. Aggiungere 1 o 2 gocce di o.e. in 1 litro di acqua bollente e, con un asciugamano sulla testa respirate a fondo i vapori per alcuni minuti. Se avete il naso chiuso cercate di respirare con il naso se è la gola ad essere infiammata, respirate con la bocca. 
Colluttorio. Con 2 gocce di o.e. in 200ml di acqua minerale, agitate bene, è possibile fare sciacqui e gargarismi. Non ingerire.
Per profumare gli ambienti e allontanare gli insetti. Qualche goccia nella vaschetta del calorifero o nei diffusori (in vendita nelle erboristerie), liberano dagli odori cattivi e persistenti, allontanano gli insetti, disinfettano e sono d'aiuto nelle malattie da raffreddamento e per placare gli stati d'ansia.
Bagno. Riempite la vasca a metà, aggiungete qualche goccia dell'olio scelto e terminate di riempire. Ricordatevi di agitare l'acqua con la mano per emulsionare l'olio che altrimenti, essendo insolubile in acqua, galleggerebbe.
Olio per la pelle. Si prepara come l'olio per massaggio e si usa come una comune crema dopo bagno. Si può sostituire l'olio di mandorle con quello di jojoba, che non unge ed è anti-age, o di avocado, sempre anti-age ma anche anti-rossore e leggera protezione solare.
Compressa. Mettere 4 o 5 gocce di o.e. in acqua fredda o calda e immergervi un panno che, strizzato, sarà applicato sulla parte.
Acqua floreale di o.e. 20 gocce in 100 ml di acqua minerale (non gasata), mettete a riposo per 5 giorni e voilà la vostra acqua floreale da applicare sulla pelle. Scegliete l'olio essenziale più indicato al vostro tipo di pelle o la fragranza che più vi cattura. Io la preparo con o.e. di lavanda, lenitiva e rilassante, la passo sul viso picchiettando e poi stendo un velo di olio di argan o jojoba, che non unge...pelle vellutata in 2 mosse!
Sul fazzoletto. 2 gocce di o.e. sul fazzoletto, rappresentano il metodo più semplice per sfruttare le proprietà degli o.e. Annuserete il fazzoletto in caso di attacco di mal di testa o come rilassante o ancora per liberare il naso. In caso di insonnia si può tenere il fazzoletto sul cuscino o versarne una goccia direttamente.Cosmesi. Gli usi degli o.e. sono veramente innumerevoli, anche in cosmetica è possibile aggiungere qualche goccia di o.e. alla crema da giorno o da notte scegliendo fra quelli più indicati per il vostro tipo di pelle.

L'uso degli oli essenziali in base al disturbo

In linea di massima, gli oli essenziali che non devono mai mancare o meglio che  io non  mi faccio mai mancare, sono:  lavanda, tea tree, eucalipto, camomilla romana o comune e limone. Questo perchè sono i più versatili e adatti a molti disturbi,  quindi non partite senza, ciò non toglie che anche gli altri trovano impiego possedendo una loro specificità.
Legenda: O.e = Olio essenziale
  1. Acne. O.e. di camomilla romana o comune, lavanda vera, rosmarino, tea tree e calendula. Applicazioni: compresse fredde, acque floreali.
  2. Agitazione e ansia.  O.e. di melissa, bergamotto, lavanda vera. Massaggi sul corpo, spalle e collo, bagni caldi, nei diffusori.
  3. Tosse- O.e. di eucalipto, pino palustre o silvestre. Massaggi al petto, inalazioni.
  4. Tosse cronica. O.e. di issopo. Incenso, mirto. Massaggi al petto, inalazioni.
  5. Raffreddore. O.e. eucalipto, pino palustre o silvestre. Bagni caldi, inalazioni.
  6. Catarro. O.e. di eucalipto, lavanda vera, pino palustre o silvestre, tea tree. Massaggi al petto, inalazioni.
  7. Mal di gola. O.e. di timo, issopo, salvia sclarea. Inalazioni.
  8. Sinusite. O.e. di lavanda vera, pino palustre, tea tree. Inalazioni.
  9. Calli. O.e. di ginepro, limone. Una goccia al giorno sul callo.
  10. Contusioni, strappi, distorsioni. O.e. di lavanda vera. Compresse fredde, applicazione in loco di o.e. in olio vettore.
  11. Dolori agli arti, alla schiena, reumatismi, artrite. O.e. di lavanda vera, camomilla comune o romana, rosmarino. Massaggi, compresse calde, bagni caldi.
  12. Eczema. O.e. di camomilla comune o romana, lavanda vera. Applicazioni di olio in olio vettore sulla parte, acqua floreale, bagni tiepidi.
  13. Emorroidi. O.e. di cipresso, achillea millefoglie. Compresse fredde, bagni tiepidi.
  14. Herpes labiale, foruncoli. O.e. tea tree, bergamotto. Applicazione in olio vettore sulla parte.
  15. Punture d'insetto. O.e. di tea tree, il più efficace. Applicazione sulla parte di o.e. in olio vettore.
  16. Insonnia, stress, tensione. O.e. di melissa, lavanda vera, camomilla romana o comune, fiori d'arancio. Massaggi al corpo, bagni caldi, vaporizzazioni.
  17. Mal di testa tensivo. O.e. di camomilla romana o comune, lavanda vera, menta ppiperita. Massaggi alle tempie, compresse fredde alle tempie, vaporizzazioni.
  18. Mal di testa pulsante. O.e. di lavanda vera. Compresse fredde alle tempie.
  19. Mestruazioni dolorose. O.e. di camomilla romana o comune, lavanda vera, salvia sclarea o spagnola. Compresse calde, massaggi al basso ventre.
  20. Gonfiori addominali. O.e. di finocchio. Massaggiare l'addome in senso orario con o.e.  in olio vettore.
  21. Vertigini, vomito, nausea. O.e. di camomilla romana o comune, lavanda vera, menta. Mettere 1 o 2 gocce sul fazzoletto e inalare.
  22. Energizzante. O.e. di limone, lavanda vera, timo. Massaggio con i tre o.e. in 2 cucchiai di olio di mandorle.
  23. Rinfrescante. O.e. di cipresso, geranio. Lavanda. Limone. Bagno.
  24. Afrodisiaco. O.e. di cedro, sandalo, ylang-ylang, cannella. Bagno e massaggio.
  25. Capelli. O.e. di lavanda o rosmarino per la caduta dei capelli. O.e. di tea tree per i pidocchi. O.e. di limone e cedro per i capelli grassi. O.e. di cedro per la forfora. Miscelare 2 gocce di o.e. in 1 cucchiaio di olio di jojoba e massaggiare il cuoio capelluto poi avvolgere la testa con un asciugamano umido impregnato di 4-5 gocce di o.e. per 20/30 minuti.
Le esigue quantità estraibili da ogni pianta, insieme alla cura e precisione dell'estrazione incide sul costo del prodotto quindi è meglio diffidare di oli essenziali con un prezzo troppo basso e deve essere indicato “Olio essenziale purissimo” e il metodo di estrazione, meglio se bio. La conservazione deve avvenire in luoghi lontani da fonti di calore, luce, aria o umidità per non comprometterne la qualità.Ricordatevi di non usarli in gravidanza e con i bambini sotto i 2 anni. Alcuni oli, tutti gli agrumi, sono sconsigliati prima di una esposizione al sole.
Scritto da Angela Ballarati
Metti “mi piace” sulla mia pagina facebook: benessere natural-mente
Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a scopo informativo, si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare, evitare in caso di ipersensibilità accertata verso uno dei componenti. I suggerimenti e le indicazioni descritte in quest'articolo non intendono in alcun modo sostituire le terapie consigliate dal proprio medico curante. L'autrice non è responsabile delle possibili conseguenze legate all'incompleta od erronea interpretazione del testo. Le foto e i testi sono riproducibili, non a scopo di lucro, altrove, solo citando la fonte: autore e blog attivo. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché è aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto , non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. 




Nessun commento:

Posta un commento