domenica 5 luglio 2015

ANGURIA, proprietà, sceglierla, conservarla e i suoi SEMI? Sono commestibili ... GHIACCIOLI ALL'ANGURIA

ANGURIA, rinfrescante e naturalmente dolce, contiene citrullina e licopene, provato ANTITUMORALE
PROPRIETA’,  BENEFICI,  come SCEGLIERLA e CONSERVARLA
E i suoi SEMINI? Non buttateli … sono commestibili 
COME OTTENERE SEMPLICI  GHIACCIOLI ALL’ANGURIA PER MERENDA


L’anguria o cocomero (Citrullus lanatus) appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, come il cetriolo, il melone …
Sia il nome anguria, dal greco, che il nome cocomero, dal latino, significano cetriolo.
E’una pianta originaria dell’Africa, in Italia viene coltivata soprattutto in Meridione,  che presenta un fusto rampicante, grandi foglie pelose e un frutto che può raggiungere anche i 20 Kg di peso.
Le angurie sono disponibili da maggio a settembre, la polpa è, generalmente rossa, ma ci sono anche le angurie a polpa gialla e anche i semi, neri, si possono trovare bianchi o gialli.

QUALI SONO LE PROPRIETA’ NUTRITIVE DELL’ANGURIA

Che sia ricca d’acqua è risaputo, più del 90%, che sia dolce anche, infatti contiene zuccheri semplici che la rendono un prelibato e dissetante spuntino nelle calde giornate estive: una fetta d’anguria rinfresca e idrata.
Contiene vitamine come la A, la C e la B6 oltre a sali minerali come magnesio, potassio che reidratano, integrando i minerali persi con il sudore,  e contrastano la spossatezza causata dal caldo.
-          La RITENZIONE IDRICA, una delle cause dell’antiestetica CELLULITE, si combatte con la giusta idratazione, una dieta povera di sodio, cibi ricchi di vitamina C, che protegge i capillari sanguigni, e ricchi di potassio e magnesio, che aiutano a depurare l’organismo contrastando la ritenzione, minerali contenuti appunto, nell’anguria.
-          L’anguria contiene CITRULLINA, un aminoacido non essenziale (isolato per la prima volta nel cocomero), cioè che il nostro corpo è in grado sintetizzare, presente nel fegato e nei reni. La citrullina è balzata agli onori della cronaca come AFRODISIACO,  aldilà di ogni considerazione, per il suo effetto vasodilatatore, dovrebbe aiutare.
      Sempre la citrullina è un precursore dell’arginina, proteina che stimola il sistema immunitario, e che migliora l’elasticità dei vasi sanguigni apportando un beneficio al sistema CARDIOCIRCOLATORIO.
      Inoltre riduce L’AFFATICAMENTO MUSCOLARE, aumentando le prestazioni e accelerando il recupero, tanto che esiste una vasta gamma di integratori in commercio, per gli sportivi. La citrullina e le sue conversioni sono oggetto di studio e ricerca per l’artrite reumatoide e altre malattie autoimmuni (PubMed). Piccolo neo: la maggior concentrazione di citrullina si trova nella parte bianca dell’anguria.
-          Favorendo la diuresi, aiuta in caso di IPERTENSIONE.
-          CAROTENOIDI contenuti nell’anguria e nella verdura e frutta a colorazione giallo-arancione-rosso, come il peperone, il pomodoro, l’albicocca,  sono preziosi antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Giocano quindi un ruolo importante nel nostro sistema immunitario. Il LICOPENE è un carotenoide  contenuto nell’anguria, e anche nei pomodori, che secondo numerosi studi avrebbe proprietà ANTITUMORALI
-          L’anguria è POVERA DI CALORIE, quindi perfetta come dolce rinfrescante per le sempre a dieta anche se i diabetici devono porre attenzione nel consumo.

Nella Medicina Tradizionale Cinese (MTC) l’anguria è un alimento Yin, indispensabile in estate per attenuare il surriscaldamento provocato dall’eccesso di calore della stagione estiva che è Yang.

COME SCEGLIERE UN’ANGURIA MATURA

Chiaramente, l’anguria, più è matura e più è dolce, e una volta raccolta, smette di maturare.
Quali sono le caratteristiche a cui prestare attenzione per sceglierne una matura al punto giusto?
Il primo esame è quello visivo. L’anguria si deve presentare priva di ammaccature e il punto in cui poggiava a terra deve avere un colore giallognolo, se si presenta bianco o verde, probabilmente non è sufficientemente matura. Quelle di colore verde più scuro, sono le più dolci, con linee regolari ed equidistanti. Il picciolo non deve presentarsi secco, infine, bussare con la mano chiusa a pugno, è l’ultimo test, dovrà suonare “a vuoto”. Se la acquistate già affettata, scegliete quella di colore rosso con i semi belli neri, dovrebbe essere più dolce e si dovrebbe capire se si presenta farinosa. Dimenticavo, prima di affettarla lavatela, è stata a contatto col terreno.
La parte bianca dell’anguria contiene citrullina e altri nutrienti, per cui consumatela insieme alla parte rossa più dolce. E poi …
DELLA SERIE NON SI BUTTA NULLA …
-“chutney fatto con la buccia dell’anguria: si utilizza sia lo strato di polpa bianco che la buccia verde. Basta lavarla, tagliarla a cubetti e metterla sul fuoco in una pentola con cumino, peperoncino tritato, zucchero, aceto e un pizzico di sale. Cuoce in 40 minuti, poi deve riposare dentro vasetti sterilizzati per 15 giorni. È gustosissima, ideale accompagnamento per formaggi stagionati e piadine”- (blog ecocucina di Lisa Casali). In questo caso direi che acquistarla BIO è d’obbligo.

COME SI CONSERVA
Probabilmente molti di voi già lo sanno.  Se l’anguria è intera si può conservare fuori dal frigorifero, in ambiente asciutto e fresco, anche per una settimana, dipende dal grado di maturazione, ma se è già tagliata, deve essere consumata entro 3/4 giorni. Non amo la pellicola, ma per evitare che il suo forte aroma possa intaccare altre preparazioni in frigorifero, o che l’anguria stessa ne acquisti, meglio usarne un po’. Io scelgo la pellicola senza pvc, è riportato sulla confezione.

E I SEMI DELL’ANGURIA???

I semi dell’anguria contengono vitamine del gruppo B, la B1, la B3, B9 o acido folico, importante per il buon funzionamento del sistema nervoso, per produrre globuli rossi, prevenire l’anemia e in gravidanza. Non manca l’apporto minerale, potassio, magnesio (in 100 grammi è contenuta la razione giornaliera di questo minerale che aiuta l’assorbimento del calcio), ferro, manganese, zinco, rame e fosforo. Questi preziosi semi sono anche una buona fonte di proteine e acidi grassi essenziali, come gli Omega-6, acidi grassi polinsaturi, necessari per la corretta funzionalità di tutti i tessuti, per la regolazione del colesterolo, per mantenere la pelle idratata e allontanare i segni del tempo. Come con i semi di lino, il rivestimento esterno dei semi di anguria è molto duro, e per rendere disponibili i nutrienti, devono essere triturati o masticati. Non rappresentano quindi un inutile fastidio, infatti  in Medioriente e in Asia vengono essiccati, tostati e consumati nelle insalate o nelle zuppe, se ne ricava anche un olio utilizzato a fini cosmetici per la pelle e per i capelli. Tenete presente che sono semi, quindi il loro apporto calorico è importante, oltre ad essere leggermente lassativi. Una dieta varia e non esagerare è sempre saggio.

GOLOSI GHIACCIOLI ALL’ANGURIA

Ingredienti: un’anguria ben matura di 1 Kg circa o qualche fetta, in base ai ghiaccioli che si vogliono ottenere.
TAGLIATE l’anguria a fette e privatela dei semi e della buccia, FRULLATE la polpa nel frullatore in modo da ottenere un composto omogeneo, infine VERSARE il composto nelle formine lasciandole nel freezer per 8/10 ore circa.

Scritto da Angela Ballarati
Metti “mi piace” sulla mia pagina facebook: benessere natural-mente
Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a scopo informativo, si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare, evitare in caso di ipersensibilità accertata verso uno dei componenti. I suggerimenti e le indicazioni descritte in quest'articolo non intendono in alcun modo sostituire le terapie consigliate dal proprio medico curante. L'autrice non è responsabile delle possibili conseguenze legate all'incompleta od erronea interpretazione del testo. Le foto e i testi sono riproducibili, non a scopo di lucro, altrove, solo citando la fonte: autore e link attivo del blog. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché è aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto , non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. 



Nessun commento:

Posta un commento